Le Marche, una regione tutta da scoprire

|

In Italia abbiamo un grande privilegio: quello di vivere in un Paese che da Nord a Sud sa come non deludere. Ogni regione ha le sue particolarità, e al suo interno è possibile esplorare mondi e panorami insospettabili. Un esempio sono proprio le Marche, con tutta la sua variabilità. Alcuni scelgono di passare una serena vacanza negli appartamenti di Gabicce Mare, con i suoi lidi splendenti. Altri al contrario viaggiano all’interno della regione, alla ricerca della storia che ha attraversato tutta l’area nel corso dei secoli.

In questo nostro articolo vi presentiamo alcuni dei luoghi più iconici delle Marche, per darvi qualche idea per alcuni giorni da passare a contatto con una realtà tutta da scoprire.

Recanati

Quando si pensa alle Marche viene subito in mente la vita di Giacomo Leopardi, che qui nacque e dove scrisse alcuni dei suoi componimenti più belli. La città che lo ha accolto è Recanati. Il borgo è ancora oggi in piedi, e si trova a pochi chilometri da Loreto, altra città nota per il suo santuario.

Recanati è una città dove il tempo sembra essersi fermato, e dove oggi si celebra la vita del poeta. Sono molti i luoghi che richiamano a Leopardi, e consigliamo questa esperienza per respirare l’ambiente tipico di alcune poesie dell’autore. Attraversando la città si potrà pensare alla celebre Silvia, e scoprire il tanto citato “ermo colle” protagonista, insieme alla siepe, della poesia L’Infinito.

Il dominio della natura

Nelle Marche la natura ha ancora un grande ruolo, con diverse aree pressoché incontaminate, sia sulla costa che nell’entroterra. I tanti borghi che popolano la regione vivono in un buon equilibrio con la natura, regalando paesaggi davvero unici.

Sulla costa merita di essere menzionato il Parco Regionale del Conero, un’area boschiva vicino alla città di Ancona. Questa zona conduce fino alla spiaggia, dove possiamo trovare la Riviera omonima. Attraversando il parco e giungendo al mare si avrà la sensazione di essere in un mondo diverso, lontani dalla civiltà e dal suo stress, riscoprendo il piacere della semplicità che si tinge di meraviglia.

A proposito di meraviglie, non potete perdere l’occasione di conoscere le Grotte di Frasassi, scoperte negli anni ‘70. Si tratta di un sito speleologico che può essere visitato. Si scende nelle grotte, e si scopre una zona unica nel suo genere, dove la natura ha modellato le grotte in maniera imprevedibile.

Chi ama la montagna può dirigersi verso gli appennini, trovando alture di tutto rispetto per il mondo delle escursioni. Parliamo dei Monti Sibillini, con molte vette oltre i 2000 metri di altezza.

Alla scoperta della storia

Le Marche offrono interessanti scorci storici, grazie alle vicende che si sono alternate in questa regione.

L’UNESCO ha reso Urbino un patrimonio internazionale. La città, dal passato ducale, vede ancora la presenza del Palazzo Ducale, una imponente costruzione che si erge all’interno della città. Il palazzo ha un ottimo stato di conservazione, e merita una visita approfondita.

Un’altra città dal grande valore culturale è Gradara, dove troviamo un palazzo in perfetto stato di conservazione, compreso di mobili. Chi ama la Divina Commedia conosce molto bene questo luogo: è qui che si svolge la tragica vicenda di Paolo e Francesca, raccontata nel Canto V dell’Inferno di Dante Alighieri.

Nelle Marche troviamo anche un altro luogo citato da Dante nella Divina Commedia: parliamo del Monastero di Fonte Avellana, presente in alcuni versi del Paradiso. Il Monastero sorge in mezzo alla natura ed è lì da tempo immemore, fin dal più profondo Medioevo.

Anche Pesaro presenta ampi scorci storici, ed è perfetta per essere visitata durante la bella stagione. La città offre tanti percorsi ciclabili, e consente di essere visitata in maniera divertente e totalmente green.

Infine non dimenticate Macerata, città universitaria in grado di unire cultura e spazi per i giovani.

Previous

Che differenza c’è tra un albergo e un bed and breakfast

Milano e le Escort.

Next

Lascia un commento