La cipolla di Tropea, un’eccellenza made in Calabria

|

Il Belpaese offre un’immensa varietà di specialità culinarie. Da nord a sud è possibile trovare tantissimi piatti, ingredienti, condimenti e molto altro, tipici di specifiche zone e specifiche città.

Se state organizzando un viaggio on the road in Calabria non potete dimenticare le parole di questo incipit, attraversando la regione e scoprendo il meglio da portare sulla propria tavola. A fare il ruolo del leone troviamo la celebre cipolla di Tropea, una specialità che ha ricevuto addirittura il riconoscimento di I.G.P.

Scopriamo di più su tutto ciò che riguarda questo alimento, dalla sua provenienza fino ai suoi molti utilizzi.

Dove nasce la cipolla di Tropea?

Iniziamo utilizzando il suo termine più corretto: cipolla rossa di Tropea è il nome completo da utilizzare per questa varietà di cipolla. Si tratta di un alimento estremamente legato alla zona di produzione, per questo ha ottenuto il prestigioso riconoscimento I.G.P. (indicazione geografica protetta) da parte dell’Unione Europea.

Questa cipolla viene coltivata esclusivamente in Calabria, e in zone ben delimitate. In generale possiamo trovarla nelle aree che si affacciano sul Mar Tirreno, e in alcune aree delle province di Catanzaro, Vibo Valentia e Cosenza.

Nel nome troviamo anche un riferimento ancora più dettagliato, ricordando quanto sia legata alla zona intorno alla città di Tropea, tra i principali centri della Calabria, soprattutto nel settore del turismo.

L’indicazione geografica protetta serve proprio per definire al meglio la particolarità di questa cipolla, prodotta in una zona ben specifica, al fine di mantenere inalterate tutte le sue qualità. Diffidate dunque di cipolle rosse di Tropea che non presentano la corretta dicitura, poiché potreste incorrere in acquisti di dubbia qualità.

Da notare che la cipolla rossa di Tropea ha dei buoni tempi di coltivazione, che fanno sì possa essere raccolta per diversi mesi, da ottobre fino a marzo. Ciò significa che durante l’anno sono disponibili grandi quantità di questo alimento, ideali per l’esportazione in tutto il mondo.

Prodotti a base di cipolla di Tropea

La cipolla di Tropea viene utilizzata in molti modi, generando tanti ottimi prodotti.

Oltre alla cipolla vera e propria possiamo trovare delle gustose creme, ideali come condimenti su diversi tipi di cibo. Un esempio è il paté di cipolla rossa di Tropea, che la rende spalmabile, un tocco in più in grado di farci assaporare questo particolare gusto in tante occasioni.

Possiamo trovare anche altre forme simili, come la mousse, o anche una specifica crema da utilizzare sul pane per trasformarlo in una gustosissima bruschetta.

Addirittura è possibile trovare dei prodotti che hanno già visto l’aggiunta della cipolla di Tropea, come la trupianella, una salsiccia preparata proprio con il nostro amato ortaggio.

Viaggiando per la Calabria è possibile trovare davvero tante altre specialità a base di cipolla rossa di Tropea, entrando nei tanti negozi e chioschi che abitano le città della regione. Il nostro palato saprà ringraziarci, assaporando con gusto tutti questi prodotti a dir poco invitanti.

Proprietà benefiche

La cipolla rossa di Tropea è celebre anche per le sue capacità a beneficio della nostra salute. Nonostante non sia, ovviamente, un medicinale, assaporare la cipolla di Tropea può regalare del benessere al nostro corpo.

Tra le sue capacità possiamo notare l’effetto di sedativo naturale, ideale per conciliare il nostro sonno e dormire meglio. Alcuni hanno notato anche un effetto positivo su cuore e arterie, una capacità tutt’altro che da sottovalutare.

In generale si tratta di un alimento decisamente positivo, anche nella sua composizione: contiene diversi tipi di vitamine, quali la vitamina C e la vitamine E, e non mancano importanti elementi per il nostro corpo, come il ferro. Tanti i sali minerali, come è buona la quantità di zuccheri.

Previous

Il clima mediterraneo: caratteristiche e dove trovarlo

Cosa fare a Positano durante le tue vacanze estive

Next

Lascia un commento