La guida completa al Museo nazionale egiziano del Cairo

|

Cos’è il Museo Nazionale del Cairo?

Il Museo Nazionale del Cairo è un museo egizio situato in Piazza Tahrir. Il museo ospita una collezione di monumenti dell’Antico Egitto e del Sudan, oltre a oggetti del mondo greco-romano, islamico ed europeo.

Il Museo Nazionale del Cairo è uno dei musei più antichi del mondo. Fu fondata nel 1835 dall’ottomano Wali Muhammad Ali Pasha dopo un decreto emesso da suo padre, Muhammad Ali Pasha, viceré d’Egitto.

Il Museo Nazionale del Cairo espone una grande varietà di importanti manufatti dell’Antico Egitto e del Sudan, oltre a pezzi di altre culture di tutto il mondo.

Alla scoperta dell grandi meraviglie dell’antico Egitto

La storia egiziana è così radicata nella cultura e nella coscienza del mondo che è facile dimenticare che sappiamo molto poco di come fosse la vita per le persone che vivevano in questo meraviglioso paese.

La costruzione delle piramidi, degli obelischi e di altri grandi edifici in Egitto fu un traguardo monumentale che ci affascina ancora oggi. L’intricata conoscenza della matematica e della scienza degli egiziani ha aperto la strada alla costruzione di alcuni dei monumenti più famosi mai costruiti. Ma come hanno fatto? Com’era la loro vita? Come hanno usato queste scoperte per creare tali meraviglie? La risposta a queste domande potrebbe non essere mai conosciuta esattamente, ma ci sono molti indizi da trovare nell’arte e nell’architettura egiziane.

Quali sono i i punti salienti del museo nazionale del Cairo?

Il Museo Nazionale di Arte Egizia del Cairo è uno dei musei più famosi d’Egitto. Il museo è ospitato in uno splendido edificio originariamente costruito come palazzo reale per il re Fuad I.

Il museo mette in mostra l’arte e i manufatti di tutti i periodi della storia e della civiltà dell’antico Egitto. Presenta anche una panoramica della cultura e della vita egiziana attraverso i secoli.

Ci sono oltre 12.000 oggetti in mostra al museo, tra cui dipinti, sculture, ceramiche, oggetti in metallo e oggetti preistorici.

Il museo ha anche una serie di gallerie che mostrano diversi periodi della storia egiziana come l’Antico Egitto (dal 3000 a.C.), l’Egitto copto (dal 300 d.C.), l’Egitto islamico (dal 641) e l’Egitto moderno (1900-1970).

Cosa non perdere al museo Egizio del Cairo?

Maschera funeraria di Tutankhamon

Tutankhamon era un re ragazzo della XVIII dinastia dell’antico Egitto. Il re Tut morì a circa 18 anni e la sua tomba fu trovata intatta nel 1922. Uno dei manufatti più famosi della tomba è una maschera funeraria, che è diventata un simbolo della moda e della cultura egiziana.

Statua di Cheope

La statuetta di Cheope è una piccola statuetta scoperta nella Grande Piramide di Giza.La statuetta è stata creata per commemorare il Faraone. Si ritiene che sia uno dei manufatti più importanti trovati nella piramide.

Statua di Chefren sul trono

Il re d’Egitto e di Siria, Chefren, salì al trono nell’anno 2348 a.C. I primi monumenti che eresse furono due colossali figure di se stesso su ciascun lato dell’ingresso del suo tempio a Menfi.

Iside, la madre di Thutmose III

Iside, la madre di Thutmose III, era una regina molto potente e influente. Era la consorte di Thutmose II e la madre di suo figlio, il principe ereditario Thutmose III. Il potere di Iside derivava dalla sua stretta connessione con gli dei Iside e Osiride. Poiché era una figura di spicco nella religione egiziana, è spesso rappresentata nell’arte come una regina, che indossa un elaborato copricapo con le corna e talvolta porta uno o due simboli reali.La dea egizia Iside era spesso raffigurata come una regina che indossava un elaborato copricapo con le corna e portava uno o due simboli reali.

Statua di Mentuhotep II

Il faraone egiziano della XII dinastia, Mentuhotep II, è uno dei pochi faraoni che ha fatto erigere una statua in suo onore. Fu un costruttore particolarmente prolifico e il suo regno durò dal 1991 al 1950 aC. La sua piramide fu costruita a Deir el-Bahri ed è l’unica struttura che è stata scoperta ancora intatta oggi.La statua è stata trovata sul sito della piramide di Mentuhotep I ed è stata realizzata in pietra. Lo raffigura seduto su un trono con i piedi appoggiati su uno sgabello e indossa un’elaborata corona di Hathor. La statua è stata trovata rotta ma è ancora possibile vedere che ha le mani alzate come se le stesse usando per fare una specie di offerta o di preghiera.

Testa di Userkaf

Userkaf era un faraone dell’antico Egitto che regnò nella V dinastia. Sotto il suo governo, l’impero egiziano raggiunse le sue maggiori vette.La vita e il regno di Userkaf sono ben noti da molte iscrizioni e statue che sono state trovate di questo periodo. Iniziò la costruzione di una grande piramide a Saqqara che fu inaugurata dal suo successore Teti. Il complesso è costituito da tre piccole piramidi, una “mastaba” molto più grande a est e una serie di piramidi satellite più piccole a sud-ovest.

Come posso visitare il Museo del Cairo?

I biglietti possono essere acquistati all’ingresso del museo e i biglietti sono generalmente disponibili presso i chioschi di fronte al museo.

Orari e prezzi

  • Orari: tutti i giorni dalle 09:00 alle 19:00, il venerdì dalle 09:00 alle 11:00 e dalle 13:30 alle 19:00. Durante il mese di Ramadan, il museo potrebbe chiudere alle 17:00
  • Miglior orario per evitare le code: al mattino presto, già in tarda mattinata il museo potrebbe essere davvero affollato
  • Prezzo del biglietto: 60 EGP (circa €3,00) – Sala delle Mummie 100 EGP (circa €5,00)
Previous

Limoncello fatto in casa, la ricetta tradizionale

Lascia un commento